Mazze di tamburo fritte

Ingredienti
Mazze di tamburo a pezzi,
acqua gasata q b,
farina di riso e farina 00 metà di una e metà dell’altra q b,
un uovo sbattuto,
poco sale e una macinata di pepe,
foglioline di nepitella giusto per dargli il profumo,
olio d’arachide per friggere.

Preparazione

Pulite le mazze di tamburo, io le passo velocemente sotto l’acqua corrente e le tampono subito con carta e poi le metto in un canovaccio e le copro “cosi finiscono d’asciugarsi bene”.
Preparo la pastella con le farine, l’uovo e gli altri ingredienti e poi aggiungo l’acqua ghiacciata, deve venire una pastella che avvolga bene il fungo” abbastanza scorrevole ma non liquida”.
Appena l’olio e bello caldo tuffate i pezzi nella pastella, li fate scolare appena e li mettete nell’olio.
Ricordate che fanno presto a friggere e dopo averle girate le scolate su carta.
Servite le mazze di tamburo belle calde, salandole appena.
Questo è un tipo di fungo che nasce negli oliveti o nei prati, bisogna stare attenti perché non tutti sono buoni e allora è bene farli controllore da chi li conosce molto bene.
Questo è un tipo di fungo abbastanza carnoso e se fritto è molto buono ricordo che mio padre le raccoglieva nell’oliveto e mia mamma le friggeva passandole nella farina di mais e farina bianca e fritte nell’olio extra. Però, lei non si fidava e per paura che fossero velenosi non li mangiava.
Se potete avere l’occasione di fare una passeggiata in campagna nel momento che nascono, noterete dei bellissimi ombrellini mezzi chiusi e in parte aperti, che vi sembrerà di stare non in Italia ma in Giappone, dove passeggiano le signore riparandosi dal sole.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ricopia il codice *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.