Vai al contenuto

TAGLIATA AI FUNGHI PORCINI CON POLENTA

Preparazione dei funghi
Prendete una padella  e mettetela sul fuoco con dentro un filo d’olio, dell’aglio schiacciato, che poi toglierete, e fate rosolare. Prendete  i funghi porcini, tagliateli e, se ne avete pochi, aggiungetevi degli “champignon”. Fate cuocere velocemente, buttando un po’ di vino bianco che lascerete sfumare. Adesso fate un battuto con nepitella, timo, prezzemolo e, se volete, uno spicchio d’aglio. Aggiungete il battuto ai funghi, e girate. Allungate il sughetto con un po’ d’acqua e mezzo bicchiere di panna. Finite aggiustando con sale e pepe.

 

Preparazione della besciamella
Mettete a scaldare mezzo lt il latte. In un’altro pentolino mettete 50 gr di burro con 50 gr di farina. Fate  cuocere la farina nel burro e, appena cambia di colore,  cominciate  a girare con una frusta per evitare che si formino dei grumi. Aggiustate di sale e pepe ed aggiungete una grattugiata di noce moscata ed una spolverata di prezzemolo. Fate bollire, lentamente, ancora per 5 minuti.

 

Preparazione della tagliata
Prendete una padella, mettetela sopra il fuoco e, quando è bella calda, buttateci sopra una bella bistecca alta. Sigillate la carne da tutte le parti. Potete finire di cuocerla in padella, ma io preferisco  metterla in forno bello caldo, con del rosmarino, per  15 minuti. Il tempo di cottura  dipende sempre dallo spessore della carne. Quando è cotta, toglietela dal forno e fatela riposare coperta con della stagnola. In questo modo resterà più morbida.

 

Preparazione del piatto
Prendete due vassoi. Uno ricopritelo con la besciamella e, sopra, mettete la carne col suo sughetto, dove avrete aggiunto un goccio d’olio. Disponete tutto intorno i funghi che emaneranno il loro profumo. Nell’altro vassoio metteteci la polenta, preparata secondo la ricetta che vi ho dato. Portate in tavola.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

ricopia il codice *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Share This